Escursioni

L’Alta Marca Trevigiana

L’area geografica denominata l’Alta Marca Trevigiana comprende le zone del Quartier del Piave e Vallata. Di grande interesse turistico, qui troviamo nelle abbazie, nei santuari e nelle pievi disseminate un po’ dovunque, e negli oratori di campagna o collina, spesso antichissimi, testimonianze della fede e della cultura religiosa.

Il profilo delle Dolomiti si staglia netto sul paesaggio che si apre su montagne e colline, dove si produce l’ottimo Vino Prosecco doc, e sulla pianura sottostante. Le malghe, punto d’arrivo a piedi o in macchina o punto di partenza per tante escursioni, sono un insostituibile punto di riferimento per chi ama la montagna.
È percorsa trasversalmente dalla Strada del vino Prosecco, vanto della regione.

Soggiornando in questi luoghi si scopre un patrimonio di tutto rilievo: dal Molinetto della Croda a Refrontolo, alle Grotte del Caglieron a Fregona, dall’Abbazia dei monaci cistercensi a Follina all’Abbazia di Santa Bona a Vidor, il Castello di San Salvatore a Susegana, le Torri di Credazzo a Farra di Soligo, l’Isola dei Morti a Moriago della Battaglia…


La zona

Qui i sentieri, a piedi o in bike, nell’anfiteatro della coltura della vite, sono gli stessi usati dai contadini per coltivare la vite, e si inerpicano sulle colline attraversando valli, sorgenti, casolari, chiesette e torri medievali, i panorami spaziano dalla laguna Veneta alle Dolomiti. Perdersi è impossibile, tutti i sentieri sono collegati tra di loro, il riferimento visivo per il ritorno sono le Torri di Credazzo o la Chiesa di Farra.

Quando

Qui gli inverni sono miti, e nelle estati calde un leggera brezza, all’ombra di un profumato fico fa si che la vacanza sia da re. Ogni stagione ha la sua suggestione, i cinque sensi, messi a dura prova dalla vita moderna qui si riconciliano con la mente, ad occhi chiusi potete camminare e vedere quello che vi circonda.

Come

Presso la sede della Pro Loco, ed esercizi pubblici, e’ disponibile la Carta degli Itinerari Escursionistici ; questa mappa descrive 6 sentieri di Farra di Soligo; tutti sono collegati tra di loro, comunque per accedere ai sentieri n°4,5, o 6 , bisogna partire dai sentieri n° 1, 2 o 3, e la partenza è dal centro cittadino, e precisamente il n°1 dalle Scuole Elementari, i n°2 dalla Canonica, e il n°3 dalle Ex Cantine Carregiani.
Qui sotto, abbiamo descritto brevemente i sentieri, anche senza mappa è possibile praticarli, lungo la strada sicuramente troverete le informazioni che vi servono.

Sentiero n° 1 – Sentiero delle Crepe – Lunghezza: 2,5 km – Dislivello: 160 mt

Tappe: Scuole di Farra – Strada Fiorentina – Pianesei (Porchera) – Case Viani – Le Crepe – Caberlata – Villa Adorna – Forcella di San Martino.
Il toponimo “Crepe”, deriva dalle numerose frane e fenditure nel terreno. Il sentiero si inerpica sui colli caratterizzati dai vigneti e numerosi rustici, il primo tratto segue una strada cementato; alla fine è possibile visitare il Santuario del Collagù (deviazione sul n°6)
Descrizione: il sentiero parte dal centro cittadino di Farra di Soligo, in prossimità delle Scuole Elementari, alla fine di Via Aldo Moro si sale subito verso il versante sud dei colli caratterizzati dai vigneti.

Sentiero n° 2 – Le Costalliere – Lunghezza: 2,5 km – Dislivello: 180 mt

Tappe: Municipio Vecchio – Borgo Grotta (Costalliere) – Culaf – Case dela Favera – Col Vinal (q. 380) – Forcella Colesie.
Il termine, “Le Costalliere”, deriva dal termine “castelliere”, ovvero un insediamento dell’età del Bronzo, a prevalente carattere pastorale con recinto in pietre a secco, tutto questo è attestato da ritrovamenti archeologici. Il sentiero, subito si inoltra in una valle, quindi si inerpica sui colli caratterizzati dai vigneti e numerosi rustici, a tratti percorre stradine non asfaltate, cementate nei tratti più ripidi.
Descrizione: Il sentiero parte dal centro cittadino di Farra di Soligo, dopo la chiesa verso Col San Martino (Ovest), alla seconda via, in prossimità dalla strada che a sinistra porta a Sernaglia, si gira a destra in via Rialto; questo si inoltra nella valle del Rio Farra attraverso il borgo Grotta.

Sentiero n° 3 – Gor della Cuna – Lunghezza 3 km – Dislivello 260 mt

Tappe: San Giorgio – Ex Cantine Careggiani – Costa Fontanella – Gor della Cuna – Case Berton – Zulle – Vanal – Col Moro – Forcella Xocco.
Il toponimo “Gor” intende una sorgente, mentre “Cuna” indica la culla del neonato, quindi una “sorgente in una valle”. Il primo tratto del sentiero è pressoché pianeggiante, quindi si inoltra in una valle ombrosa, e alla fine si inerpica sui colli caratterizzati dai vigneti e numerosi rustici; a tratti percorre stradine non asfaltate, cementate nei tratti più ripidi.
Descrizione: il sentiero parte dalla fine del centro cittadino di Farra di Soligo, sulla strada che conduce a Col San Martino (ovest) si gira a destra in via S.Nicolo, il sentiero percorre la valle del Rio Zullo; oltre la collina, sulla sinistra, è possibile scorgere il colle delle Torri di Credazzo e la chiesa di San Lorenzo.

Al termine del percorso, si possono praticare i sentieri n°4 o 5 o 6, attraverso questi è possibile ritornare al centro cittadino percorrendo i tre sentieri principlai, 1-2-3
I sentieri n°4/5/6 sono panoramici, da li è possibile scorgere la valle del Piave verso sud o la Vallata e le Prealpi trevigiane a nord.
I sentieri n°4/5/6 percorrono la sommità dei colli, con una quota che va dai 320 a 470 mt.

n°4 – Sentiero Alpino – vista sulle prealpi

Tappe del percorso: Monte Pertegar – Forcella Xocco – Pian Serafin – Forcella Colesie – Colesie/Col Vianl (q. 450) – Forcella di S. Martino
Tempo:1,30 ore – lunghezza: 2,5 km – dislivello: max 100 mt

n°5 – Sentiero Nord – Panoramica verso Campea

Tappe del percorso: Forcella Xocco – Col Piero – Forcella Colesie – Val Scura – Bosco Faghere (a sx bivio per Campea) – Parafitte (a sx bivio per Campea) – Fontana Fredda – Villa Adorna
Tempo: 1,30 ore – lunghezza: 2,5 km – dislivello: max 100 mt

n°6 – Sentiero Sud – Panoramico sul Quartier del Piave

Tappe del percorso: Ai Pertegar – Forcella Xocco – Casete Dale – Monte Baldachin – Forcella Colesie – Cargnele – Forcella di San Martino – Villa Adorna – Santuario del Collagù
Tempo: 2 ore – lunghezza: 3 km – dislivello: max 100 mt